• Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg

Castello di Heidegg


Gelfingen, LU
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
  • Castello di Heidegg
al sito internet

Castello di Heidegg – un castello per tutta la famiglia

PER MERAVIGLIARSI, GIOCARE, MANGIARE, FESTEGGIARE E FERMARSI A  DORMIRE. 

Il castello di Heidegg nella Seetal lucernese è stato un'importante residenza dei signori di Heidegg e dei patrizi lucernesi. Oggi, i visitatori possono venire qui per vivere la storia, celebrare festival, godersi concerti e proiezioni di film e passeggiare nel parco e nei giardini. 

Il più antico edificio residenziale del cantone di Lucerna

Il castello di Heidegg è costruito in alto su una morena e si affaccia sul lago Baldegg. Il complesso è composto da un torrione, una cappella, una casa residenziale e una fattoria, ed è situato in una posizione idilliaca tra boschi e vigneti. All'interno del torrione si trova la più antica casa residenziale del suolo lucernese. La sua costruzione, che è stata datata dendrocronologicamente, risale al 1192.

Da nobile fortezza a castello barocco e patrizio 

Fino al 1237, i signori di Heidegg trasformarono questo primo edificio in un'imponente torre residenziale e difensiva. Nel tardo Medioevo, la famiglia nobile Büsigner migliorò il comfort della casa e aggiunse elementi gotici. La nobiltà alla fine lasciò il posto alle famiglie patrizie lucernesi che avevano fatto fortuna come mercenari. L'ultima di queste, la famiglia Pfyffer, trasformò il mastio in una torre del castello barocco e fondò la casata dei Pfyffer di Heidegg. Nel XVIII secolo, la signoria di Heidegg passò nelle mani della città di Lucerna. 

Un castello per i cittadini

Sulla scia dell'Illuminismo e della Rivoluzione, il XIX secolo è stato segnato dalla democratizzazione. Per cinquant'anni, il dominio cantonale del castello fu gestito da un amministratore. Dopo la guerra del Sonderbund, il liberale Josef Heggli comprò il castello all'asta: da allora in poi, gli abitanti del Seetal si divertirono con il gioco delle bocce, la degustazione del vino dei vigneti locali e le drammatizzazioni patriottiche nella torre del castello. A partire dal 1875, la ricca americana Caroline Slidell, moglie di Pfyffer, trasformò Heidegg in un luogo di ritrovo sociale per i suoi ospiti, rappresentanti dell'alta borghesia e della nobiltà di tutto il mondo. Nel 1950, gli ultimi membri della famiglia Pfyffer donarono il castello al cantone di Lucerna e nella torre fu allestito un museo. Dopo un restauro completo dal 1995 al 1998, il cantone ha ceduto la gestione del castello e dei suoi giardini all'Associazione Pro Heidegg. 

Esplorare il castello da cima a fondo

Inizia la tua visita nella cantina del mastio, vecchia di 830 anni, dove vi aspetta una drammatizzazione emozionante e misteriosa della storia del castello. Più in alto nella torre, il museo vivente vi darà una panoramica vivace dello stile di vita del patriarcato di Lucerna. I mobili e i quadri provengono dagli ultimi proprietari, la famiglia Pfyffer di Heidegg. Il tour, divertente e interessante, include anche tappe interattive come il baule dei travestimenti, la soffitta dei bambini con la sua pista per le biglie, senza dimenticare le mostre temporanee. Infine, un negozio, un caffè e un punto di ristoro (aperto la domenica quando il tempo è bello) vi invitano a fermarvi un momento sulla spianata del castello. 

Festeggiare tra rose, viti e panorami alpini

Il castello di Heidegg è noto per il suo giardino di rose, ispirato dall'ex cancelliere tedesco Adenauer, e per il vino dei suoi vigneti, che sono stati coltivati per secoli. Con i suoi edifici storici originali e una vista impressionante, Heidegg è un luogo unico e autentico per matrimoni, feste e seminari. La cappella barocca, la sala degli stucchi per i banchetti, la cantina a volta, la terrazza del castello e il giardino di rose sono solo alcune delle belle e conviviali sale che vi attendono...

Orari d'apertura

ATTUALMENTE CHIUSO

 

Orario di apertura dal 1° aprile al 31 ottobre 2021:

Martedì - venerdì: 13.30 - 17 ore

Sabato, domenica e giorni festivi: 10 - 17 ore

Lunedì chiuso

Prezzi

Visitatori singoli

Museo del castello (incl. paradiso dei bambini e roseto):

  • Adulti: CHF 8.-
  • Apprendisti e studenti (fino a 26 anni): CHF 5.-
  • Ragazzi (6-16 anni): CHF 4.-
  • Biglietto famiglia 1 (1 genitore + 4 figli): CHF 14.-
  • Biglietto famiglia 2 (2 genitori + 4 figli): CHF 22.-

Roseto:

  • Adulti: CHF 2.-
  • Apprendisti e studenti (fino a 26 anni): CHF 1.-
  • Ragazzi (6-16 anni): CHF -.50

Gruppi a partire di 10 persone

  • Adulti: CHF 7.-
  • Apprendisti e studenti (fino a 26 anni): CHF 4.-
  • Ragazzi (6-16 anni): CHF 3.-

Libro ingresso

  • Passaporto Musei Svizzeri
  • Socii Raiffeisen
  • Mitglieder der Vereinigung Pro Heidegg
Informazione

Due aree di sosta e parco giochi lungo il viale.

I cani sono ammessi nel parco, ma non nella torre e nel roseto. Postazioni per legarli presenti in loco.

Area del castello e roseto accessibili in sedia a rotelle, torre del castello accessibile solo in parte (ascensore).

Gastronomia

In loco

Caffè del castello con offerta di vini, caffè, dolci; bar del castello nelle domeniche con condizioni meteo favorevoli.

Nei pressi

Restaurant Sternen, Gelfingen

Come arrivare

Con treno a Gelfingen, 20 minuti

Mit Bahn nach Gelfingen, 20 Minuten a piedi fino al castello.

Parcheggio al castello.

Come arrivare con Google Maps

suggerimenti

Consigli per escursioni di Seetaltourismus: Gelfingen-Horben-Baldegg; Hochdorf-Hohenrain-Lieli-Gelfingen; itinerario Hochstamm-Seetal per e-bike; itinerario ciclistico intorno al lago di Baldegg; altimetria percorso Karin Thürig; itinerario ciclistico Seetal-Bözberg, tappa Lucerna-Lenzburg.

Alloggi

  • Ferienwohnung im Schloss Heidegg
  • Hotel Sternen, Gelfingen
  • Seminarzentrum Hitzkirch
indietro al quadro d'insieme

Anche questi castelli potrebbero