• Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut

Castello di Landshut


Utzenstorf, BE
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
  • Castello di Landshut
al sito internet

Il Castello di Landshut – Un nobile gioiellino

Il castello di Landshut, circondato dal grande stagno coi suoi numerosi corsi d’acqua e dal fantastico parco, è l’ultimo castello con fossato rimasto intatto del Canton Berna, che troneggia da una collina di pietra sul paesaggio altrimenti piatto della parte inferiore dell’Emmental. Da anni il museo del castello ne rappresenta la storia e la vita nel XVII secolo. 50 anni fa, è stato integrato anche il museo svizzero della caccia.

Storia

Vari reperti risalenti all’età della pietra e di epoche successive testimoniano che edifici e torri furono costruiti molto presto nella posizione in cui si trovano ancora attualmente. Nell’area regolarmente allagata dall’Emme, il piccolo rialzo forniva sicurezza e protezione. Come ogni castello anche quello di Landshut ha un passato lungo e animato. Nel 1253 il castello di Landshut fu nominato per la prima volta in un contratto, dal 1514 ospitò 55 landfogti bernesi fino al 1798, data in cui Napoleone sovvertì tutto l’ordinamento precedente e decretò la caduta della città-stato bernese e della vecchia Confederazione.

La forma attuale del castello risale a 200 anni fa. Sotto il Landamano e scoltetto bernese Niklaus Rudolf von Wattenwyl è stata costruita una tenuta di campagna famigliare con un magnifico parco in stile inglese. Dopo numerosi cambiamenti di proprietà, nel 1957, la struttura è stata comprata dal Canton Berna. Nel 1988 fu creata la fondazione del castello di Landshut, attuale proprietaria. Oltre al castello e al parco, il dominio comprende il così nominato Schlossstock, nonché l’edificio dell’economia, dove oggi si trovano la sede della fauna svizzera e la biblioteca svizzera della caccia.

Sensibilizzare alla comprensione e trasmettere la conoscenza

Nel 1968, l’unico museo svizzero della caccia è stato spostato dalla sua sede precedente nel castello di Heidegg (LU) al castello di Landshut. Lo scopo delle esposizioni originario è stato conservato: informare il pubblico sui cacciatori e gli animali cacciabili, in modo da aumentare la sensibilità per la protezione della fauna e l’attività della caccia e diminuire le divergenze tra agricoltura, selvicoltura e caccia. La mostra permanente, che comprende esemplari di animali e altri oggetti rari, fornisce informazioni sulla storia e sull’attualità della caccia e della natura. Vengono inoltre proposte esposizioni di fama europea, come ad esempio “la collezione di storia della caccia del Dr. René La Roche”, dove si possono ammirare magnifici e rari equipaggiamenti e armi da caccia. “La collezione dei corni da caccia del Dr. Werner K. Flachs” offre una visione interessante sull’uso del corno da caccia e intrattiene scherzosamente i visitatori con materiale audio. Le oltre 70 rappresentazioni di uccelli da richiamo dall’Europa e dall’America illustrano l’elevata abilità artistica dei produttori così come l’astuzia dei cacciatori.

Nuove esposizioni temporanee su differenti temi legati alla natura o alla caccia vengono proposte ogni uno o due anni. Per il 2018 è in programma l’esposizione temporanea “Rossetto e cartuccia – le donne alla conquista della caccia”.

Orari d'apertura

Dal 13 maggio al 14 ottobre 2018

Martedì al sabato: dalle 14:00 alle 17:00

Domenica: dalle 10:00 alle 17:00

Il castello è chiuso il lunedì, il lunedì di Pentecoste (21 maggio), il 1° agosto (festa nazionale) e per il digiuno federale (16 settembre).

Prezzi

Visitatori singoli

  • Adulti: CHF 7.-
  • Adulti ridotti (AVS, AI): CHF 6.-
  • Giovani fino a 16 anni: CHF 1.-

Gruppi

  • Da 20 persone: CHF 6.- a persona

Entrata libera

  • Passaporto svizzero dei musei
  • Carta membro Raiffeisen
  • Membri dell’associazione svizzera del museo della caccia e della fauna

Visite guidate

Visite guidate possono essere riservate durante il periodo d’apertura allo 032 665 40 27, o tramite info(at)schlosslandshut(dot)ch, costo: CHF 100.-, al di fuori degli orari di apertura ufficiali durante la stagione, CHF 150.- escluso il costo del biglietto d’entrata per persona. Massimo gruppi di 25 persone per guida, durata della visita ca. 1 ora, ultima visita 17:00.

Informazione

Questo castello con fossato e gli splendidi dintorni nella campagna costituiscono la meta ideale per gite scolastiche, appassionati della natura e gruppi di cacciatori.

I cani sono ammessi nel parco e nella caffetteria (obbligo di portarli al guinzaglio).

Gastronomia

La caffetteria, situata nella corte del castello, dispone di 30 posti a sedere ed è riparata da 3 grossi platani. È aperta al pubblico negli orari d’apertura ufficiali del museo. Escursionisti e visitatori sono calorosamente invitati a godersi una bevanda calda o fredda in questo luogo idilliaco. I menu offre anche spuntini dolci.

Ristoranti nelle vicinanze

Restaurant zum Schloss Landshut, Utzenstorf
Landgasthof Bären, Utzenstorf
Restaurant La Rôtisseria
Restaurant Freischütz, Utzenstorf
Restaurant Rössli, Utzenstorf

Come arrivare

Il castello si trova all’estremità settentrionale del paese di Utzenstorf.

Stazione ferroviaria di Utzenstorf o Bätterkinden. Dalla stazione di Utzenstorf: 10 minuti a piedi (strada), ca. 20 min tramite sentiero escursionistico, sino al castello. Dalla stazione di Bätterkinden: 20 minuti a piedi, tramite sentiero escursionistico, sino al castello

Auto: autostrada A1 da Berna: uscita Kirchberg (nr. 39) autostrada A1 da Basilea/Zurigo: uscita Kriegstetten (nr. 40). All’entrata sud del parco c’è un grande parcheggio.

Arrivo con Google-Maps

suggerimenti

Festa d’apertura della stagione al castello di Landshut, 13 maggio 2018, 10h-17h

Visite tematiche, eventi e rappresentazioni hanno luogo regolarmente e vengono pubblicate sul sito internet.

indietro al quadro d'insieme

Anche questi castelli potrebbero