• Castello di Prangins
  • Castello di Prangins
  • Castello di Prangins
  • Castello di Prangins
  • Castello di Prangins

Castello di Prangins


Prangins, VD
  • Castello di Prangins
  • Castello di Prangins
  • Castello di Prangins
al sito internet

Tra corte e giardino: la vita al castello nel XVIII secolo

Il Museo nazionale svizzero - Castello di Prangins, adagiato sulle rive del Lago Lemano tra Losanna e Ginevra,  e in passato residenza temporanea di Giuseppe Bonaparte e Voltaire, è un autentico castello-museo che propone un viaggio a ritroso nel tempo in compagnia del Signor Barone. Questa meta per escursioni che coniuga alla perfezione cultura e natura, possiede il più grande orto storico della Svizzera e ospita ogni anno in autunno diverse mostre, tra cui il «Swiss Press Photo» e il «World Press Photo».

Il castello di Prangins, tra natura e cultura

Con la sua una superficie di cinque ettari di parco e giardini, il castello di Prangins è un luogo eccezionale e una meta prediletta per gite familiari. Situato su una collina affacciata sul Lago di Ginevra e abitata da millenni, questa residenza signorile in stile classicista dalle proporzioni armoniose risale al 1730 circa. L'edificio ospita, sotto lo stesso tetto, sei mostre permanenti e tre mostre temporanee all'anno, tra cui il «Swiss Press Photo» e il «World Press Photo». Tutte le audioguide e i testi descrittivi sono disponibili in francese, tedesco, italiano e inglese.
Il caffè del castello, nell'ala ovest, offre un menù raffinato ispirato all'antico orto ed è il luogo perfetto per rifocillarsi tra una mostra e l'altra o per fare uno spuntino del pomeriggio nei locali interni o sulla terrazza ombreggiata.

Varie ricorrenze festose e d'intrattenimento scandiscono il calendario annuale di attività del castello, tra cui il l'«appuntamento in giardino» in primavera, e il «pranzo sull'erba» in autunno. In tal modo il museo del castello, con i suoi giardini, interni e mostre, diviene un vasto luogo di socialità e di intrattenimento che coniuga natura e cultura.

Noblesse oblige!

La nuova mostra permanente «Noblesse oblige! La vita in un castello nel 18° secolo Noblesse oblige!» consente a tutti i visitatori di accostarsi allo stile di vita dell'élite dell'epoca. Il barone Louis-François Guiguer e sua moglie vi guideranno dalla sala di ricevimento dal pavimento in marmo rosso fino al prestigioso salone con tendaggi di seta damascata. Le audioguide e i giochi lungo il percorso, adatti a tutte le età, renderanno la vostra visita divertente e interattiva.

Il più grande orto-giardino storico della Svizzera

Con i suoi 5.500 metri quadrati e la sua collezione vivente che conta un centinaio di antiche varietà di frutta e verdura, quello del castello di Prangins è il più grande orto-giardino storico della Svizzera. Un'audioguida dedicata e una mappa dettagliata vi aiuteranno a scoprirne tutti i segreti. Inoltre, il centro di interpretazione, situato nell'antica dépendance, approfondisce alcuni aspetti agronomici e botanici dal XVIII secolo fino alle attuali tematiche legate alla biodiversità.

La «Promenade des Lumières»

La storia esce dalle antiche mura per incontrare i visitatori ed essere narrata in loco. Venti postazioni, sottoforma di sagome che rappresentano i personaggi che intrattengono qualche legame con il luogo, come Voltaire, Madame de Staël o Giuseppe Bonaparte, invitano i visitatori a una piacevole e istruttiva passeggiata nel parco. Grazie a questo itinerario di scoperta, che trasforma il paesaggio in un'esposizione, è possibile accostarsi, allo stesso tempo, sia al patrimonio culturale che a quello naturale.

Orari d'apertura

Martedì – domenica e giorni festivi: ore 10 – 17

Aperto tutti i giorni (tranne il 25 dicembre e il 1 gennaio)

Prezzi

Orto e relativo centro d’interpretazione, sentiero alla scoperta del castello: entrata libera.

Visitatori singoli

  • Adulti: CHF 10.-
  • VS, AI, AD, studenti, militari: CHF 8.-

Gruppi (di 15 persone)

  • Adulti: CHF 8.- per persone
  • Apprendisti e studenti (con tessere): gratuito con prenotazione da parte di scuola o università.
  • Visite guidate su prenotazione (max. 25 persone) CHF 120 (CHF 180 a partire dal 01.08.2015)

Gratuita

  • Entrata gratuita per bambini e ragazzi fino a 16 anni
  • Entrata gratuita con le seguenti tessere/carte: Passaporto Musei Svizzeri e Zurighesi, Raiffeisen Member Card, ZürichCARD, Consiglio Internazionale dei Musei ICOM, Associazione dei musei svizzeri AMS, Società per il Museo nazionale svizzero di Zurigo SMN, Association des Amis du Château de Prangins
Informazione

Museo e itinerario pedonabile accessibili a persone con mobilità ridotta. Alla reception sono disponibili due sedie a rotelle, oltre a un apposito ascensore.

Postazioni per picnic presenti nell'area circostante il castello.

I cani sono ammessi nella corte del castello e nel caffè.

Gastronomia

In loco

Fate una sosta al “Café du Château”: situato in una delle ali del castello, offre una cinquantina di posti cui con il bel tempo si aggiungono quelli sulla terrazza con una magnifica vista sul parco.

Il caffè è aperto da martedì a domenica dalle 10 alle 17. Menu di mezzogiorno o à la carte, e anche torte per la colazione.

Vicino

  • Café des Alpes, Prangins
  • Auberge de Prangins, Prangins
  • Auberge de Luins, Luins
Come arrivare

In autobus dalla stazione FFS di Nyon (circa 10 minuti). Bus 805 fino a « Prangins, poste », bus 811 fino a « Les Abériaux ».

Autostrada A1: da Ginevra uscire a Nyon, da Losanna uscire a Gland, quindi seguire la segnaletica stradale. Grande parcheggio disponibile lungo la Via Svizzera; una piacevole passeggiata di 5 minuti consente di raggiungere il Castello attraverso i prati di Abériaux.

Come arrivare con Google Maps

 

suggerimenti

Molteplici possibilità d'attività nell'aria aperta: sentieri per escursioni e passeggi in mezzo al Jura e il Lago Lemano, visite di vigne e viticoltori o le offerte di sport invernale di Givrine e St. Cergue.

Alloggi

  • La Barcarolle, Prangins
  • Auberge de Prangins, Prangins
  • Hôtel Beau-Rivage, Nyon
indietro al quadro d'insieme

Anche questi castelli potrebbero